Ex Fiera di Roma, da approvazione delibera risorse per recupero Nuova Fiera

Dopo un decennio di attesa oggi l’Assemblea Capitolina ha approvato la delibera grazie alla quale sarà possibile avviare il progetto di rigenerazione urbana dell’ex Fiera di Roma all’EUR. I 7,6 ettari di terreno interessato, pressoché abbandonati e totalmente degradati, saranno oggetto di un concorso internazionale per arrivare ad avere servizi pubblici in metà dell’area a fronte di 67.500 mq di edificato, una superficie ridotta di molto rispetto alla precedente delibera promossa dall’amministrazione Alemanno e soprattutto per poter dare una continuità di territorio e ricucire quella che dietro al muro esistente altro non è che una spaccatura all’interno della città.- Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

All’opera di rigenerazione urbana si affianca anche la possibilità di avere risorse nuove da investire sulla nuova Fiera di Roma sulla Portuense e da mettere a disposizione della società coinvolti, Investimenti Spa e Fiera di Roma che oggi hanno un’opportunità in più. Su questa linea si era espresso anche il Consiglio del Municipio XI lo scorso 28 Maggio con una mozione approvata all’unanimità che chiedeva l’avvio di un piano industriale credibile fatto di politiche di rilancio concrete e realizzabili anche individuando nuove vocazioni e funzioni al fine di arrivare a garantire la sostenibilità economica della Nuova Fiera di Roma.

Con il Sindaco Marino, dalla parte della legalità e del Buon Governo

Nel giorno in cui al Sindaco Marino viene attribuita la scorta, ancora più forte deve essere la nostra vicinanza e solidarietà alla sua persona e forte deve essere il sostegno a chi, rischiando in prima persona, sta cambiando Roma, ergendosi ad argine alla Mafia e all’illegalità diffusa, orientando la sua azione amministrativa alla massima trasparenza segnando cosi una netta discontinuità con il passato ed una speranza di rinascita per la nostra città. – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI

Oggi, durante la manifestazione organizzata in piazza del Campidoglio e nata grazie al tam tam sui social network con lo slogan di #iostoconmarino, la città ha abbracciato il suo Sindaco, dimostrando non solo solidarietà ma condividendo e sostenendo un’azione di governo che finalmente sta trasformando Roma in una città moderna e solidale, che ha voglia di rinascita e di riscatto che lotta contro la criminalità e non ci fa affari.

Olimpiadi: bene candidatura, occasione per periferie e per una città accessibile a tutti

Il via libera dell’Assemblea Capitolina alla candidatura della città di Roma ai Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024, rappresenta un grande opportunità ed un investimento importante per le future generazioni, un’occasione che può far da volano ad interventi di rigenerazione urbana, riqualificazione delle periferie e che può rendere finalmente la nostra città accessibile a tutti. – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI

Questa candidatura deve, quindi, esser declinata ascoltando le esigenze della città, avendo come linea guida la sostenibilità ambientale, andando a recuperare le strutture e gli impianti esistenti ed operando un’importante riqualificazione delle strutture sportive pubbliche soprattutto in periferia dove, per il 2024, dovrà finalmente dirsi completata l’opera di ricucitura urbana e sociale con il centro della città, favorita da un sistema di trasporto pubblico che ne costituisca lo scheletro.

Le Olimpiadi dovranno anche essere l’occasione per rendere la città veramente accessibile, abbattendo le barriere architettoniche che impediscono ai cittadini diversamente abili di usufruire del trasporto pubblico, di accedere alle principali location e di muoversi tutti i giorni senza ostacoli, restituendogli, così, con pienezza il loro status di cittadini.

Le Olimpiadi sono una festa di popolo, che mette insieme nazionalità e culture diverse, una sfida entusiasmante non solo per gli sportivi ma anche per la politica e le Istituzioni che dovranno esser capaci di progettare e costruire una città che sia realmente all’altezza del compito che l’attende, da lasciare in eredità alle nuove generazioni.

Portuense, dialogo tra Istituzioni è la chiave per completamento del Ponte

Le Istituzioni devono trovare insieme una soluzione che al più presto possa portare all’apertura del sottovia ferroviario di Via Portuense i cui lavori di raddoppio sono attualmente in fase di stallo; per far questo Comune, Municipio e Soprintendenza devono sedersi intorno allo stesso tavolo e non dialogare attraverso comunicati stampa, soprattutto se questi rischiano di sembrare, agli occhi dei cittadini, uno scarico di responsabilità. – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

Partiamo da quello che ci unisce, ossia l’esigenza di vedere quest’opera finalmente realizzata e sediamoci intorno ad un tavolo per capire le cause ostative e sciogliere i nodi rimasti. Un’occasione questa che poteva essere colta un mese fa in una commissione consiliare municipale convocata ad hoc ma che non ha visto partecipare tutte le parti in causa: davvero un peccato perché questa poteva essere il giusto momento per fare chiarezza.

Ora che quanto meno c’è trasparenza rispetto alla posizioni di partenza si arrivi al più presto ad una sintesi che porti al completamento di un’opera che, realizzata, cambierà in meglio la vita di tanti cittadini e il volto di un intero quadrante di Roma.

Municipio XI, finalmente apre centro h24 per recupero pazienti psichiatrici

Una bellissima giornata quella di oggi per il nostro territorio, che vede dopo anni di attesa l’apertura nei pressi di Via delle Catacombe di Generosa, nel quartiere Colle del Sole alla Magliana, di un Centro della ASL Roma D dedicato ai pazienti psichiatrici che richiedono interventi di tipo terapeutico-riabilitativo; un risultato raggiunto grazie anche all’importante lavoro politico e amministrativo svolto dalla Regione Lazio e dal Presidente Zingaretti che hanno sbloccato una situazione che era in stallo dal 2008 dopo che grazie a 1,35 milioni di euro erano stati svolti lavori di ristrutturazione, e che ha visto il Municipio XI e i cittadini in prima linea per il recupero di un edificio pubblico, sino a ieri, nei fatti non utilizzato. – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

La struttura svolgerà un ruolo importante perché andrà ad accogliere, grazie ai 16 posti letto, pazienti, in prevalenza giovani, che hanno una speranza di recupero che saranno trattenuti nel Centro al massimo per due anni per poi avviare un loro reinserimento nella società (in una struttura con una assistenza “più leggera” o di tipo domiciliare). Inoltre, va sottolineata l’importanza di aver recuperato uno stabile che da molto tempo i cittadini, anche con una occupazione simbolica ad inizio 2014, avevano chiesto a gran voce che ritornasse nel quartiere e fosse destinato finalmente ad uso pubblico e sociale: tutto questo oggi è realtà, grazie all’impegno di una amministrazione sempre più vicina ai cittadini ed in particolar modo a quelli più in difficoltà.