Piazza Navona, una Befana di tradizione e … legalità

Un impegno preso, una promessa mantenuta quella di restituire ad una delle piazze più belle della Città la veste che merita e che tanti cittadini da tempo reclamavano.

Negli anni, il mercato organizzato in occasione festività natalizie e della tradizionale befana di Piazza Navona, aveva perso quelle caratteristiche che lo rendevano unico, trasformandolo in un guazzabuglio di banchi ammassati l’uno sull’altro che vendevano merce che di natalizio avevano ormai poco o nulla.

Già l’anno passato, per fermare lo scempio, erano state prese delle misure che avevano portato a stilare un bando che riduceva drasticamente le postazioni. I vincitori dello stesso, per protestare contro le nuove regole, avevano però deciso di far ricorso (perso davanti al TAR) e di disertare la piazza. Il comune in quell’occasione organizzò per quel periodo una “piazza a misura di bambino” che fu un grande successo.

Ora uscirà un nuovo bando decennale per assegnare 48 postazioni commerciali (ridotte ancora rispetto alle 72 previste l’anno passato) di cui 28 per la vendita di addobbi natalizi, giocattoli, dolciumi e libri per bambini, 20 per la vendita di prodotti artigianali (presepi e giocattoli), 7 postazioni, con ingombro massimo di un metro quadro, di cui 6 per la vendita di zampognette e palloncini, una postazione per fare una foto con Babbo Natale. 
Inoltre, saranno presenti anche 12 postazioni di spettacoli viaggianti, la giostra tradizionale ed il teatrino dei Burattini, 6 postazioni per l’intrattenimento dei bambini e un palco per spettacoli oltre ovviamente al classico presepe.
Tutte le strutture avranno un design coordinato e armonico con la bellezza della piazza.

Dal punto di vista delle merci, saranno invece escluse invece tutte quelle non in linea con la tradizione e saranno invece favoriti i prodotti di qualità, i prodotti tipici locali, biologici e per celiaci, riciclati e realizzati con materiali naturali.

Con questo bando, si restituisce ai cittadini uno spazio che per molti anni era stato sottratto alla tradizione ed operava per la gran parte senza autorizzazioni amministrative, igenico sanitarie e con pericoli per l’incolumità della persone.

Oggi è così possibile coniugare decoro, qualità e sostenibilità il tutto nel rispetto delle regole rilanciando una tradizione da sempre nel cuore dei romani.

Piazza Navona1

Dal Governo NO allo scioglimento di Roma per Mafia ed avvio delTavolo per il Giubileo

Il Consiglio dei Ministri di oggi è stato dedicato interamente alla città di Roma con due temi importanti sul tavolo: la relazione del Ministro degli Interni Angelino Alfano sulle azioni da intraprendere a seguito dell’inchiesta giudiziaria “Mondo di Mezzo” e l’organizzazione del Giubileo.

L’inchiesta giudiziaria, con gli arresti di Dicembre 2014 e di Giugno 2015 ha pesantemente segnato la città, facendo venire alla luce una situazione torbita e di profonda illegalità, frutto di relazioni tra politica, funzionari pubblici e la peggiore criminalità. Questo sodalizio, nato durante la Giunta Alemanno, si è arricchito sulle spalle delle fasce deboli e a discapito di servizi essenziali della città con un sistema che creava emergenza e sull’emergenza lucrava.

In attesa della pronuncia giudiziaria, il maxi processo infatti inizierà il 5 Novembre, il Consiglio dei Ministri ha preso dei provvedimenti, dopo aver esaminato la relazione del Prefetto di Roma Gabrielli, trasmessa al Ministro il 9 Luglio scorso.
Quello che emerge è che il Comune di Roma non viene sciolto per Mafia perchè si è stabilita discontinuità tra l’era Alemanno e quella Marino. A quest’ultimo è stata infatti riconosciuta l’estraneità ai fatti giudiziari dal punto di vista personale e per atti legati al mandato politico (mentre l’ex Sindaco Alemanno è attualmente indagato con l’accusa di associzione di tipo mafioso – 416bis) e anche l’aver posto in essere, soprattutto dal Dicembre 2014, azioni amministrative di contrasto come le nuove norme sugli appalti pubblici, sui lavori in somma urgenza, sul controllo degli affidamenti, sulla rotazione dei dirigenti e con la creazione dell’Assessorato alla Legalità e alla Trasparenza, affidato all’ex Sostituto Procuratore del Pool Antimafia di Palermo Alfonso Sabella che, tra i tanti arresti, conta anche quella degli esecutori della Strage di Capaci dove perse la vita il Giudice Falcone.

E’ stato invece sciolto per Mafia il Municipio X, quello di Ostia, per il quale, ben prima dell’effettivo arresto del suo Presidente, il Partito Democratico ne aveva chiesto ed ottenuto le dimissioni e nel quale lo stesso Sindaco Marino aveva inviato, come previsto dalla legge, un Commissario, indicando per quel ruolo lo stesso Sabella. La decisione del Governo ha cristallizzato questa situazione affidando per almeno un paio d’anni la gestione del Municipio ad un triumvirato composto dal prefetto Domenico Vulpiani, dal viceprefetto Rosalba Scialla e dal dottor Maurizio Alicandro.

Infine, in questa fase, è stato chiesto un maggior coordinamento tra Prefetto e Sindaco sugli ambiti più critici e toccati dall’indagine in corso tra cui: il verde pubblico e l’ambiente, l’emergenza abitativa, l’immigrazione e i campi nomadi, l’adozione o l’aggiornamento dei regolamenti di competenza dell’amministrazione comunale secondo i principi di imparzialità e buon andamento, specificatamente riguardo l’affidamento dei lavori dei servizi e forniture.

Nella stessa seduta il Consiglio dei Ministri ha deciso anche su come organizzare il Giubileo, affidando, in linea a quanto fatto per Expo2015, il coordinamento al Prefetto di Roma e, per effettuare con tempestività gli interventi necessari, ha varato una delibera che riduce i tempi per le gare di appalto senza però derogare alle gare, alle procedure pubbliche e al vaglio dell’Autorità Nazionale Anti Corruzione. Un elenco di opere è stato infatti predisposto oggi stesso dalla Giunta Capitolina in una seduta che ha preceduto il Consiglio dei Ministri durante la quale sono state deliberati 84 interventi che vanno dalla manutenzione alla pulizia della città, dall’attivazione di nuovi bagni pubblici alla realizzazione di nuovi percorsi ciclo-pedonali ma anche nuove norme per ridurre il traffico come quello per il quale si interverrà sugli orari di carico-scarico merci. Le risorse a disposizoni verranno dalla Gestione Commissariale sul debito pregresso di Roma Capitale ed evenutali e auspicati fondi governativi aggiuntivi, permetteranno la realizzazione di altri interventi. Nelle prossime settimane si avrà contezza del contributo del Governo, intanto, da Settembre, usciranno le gare di appalto e verranno aperti i primi cantieri.

sabella marino

Al via, da oggi, lo streaming delle sedute del Consiglio del Municipio

La trasparenza è stata una dei punti fermi della mia Presidenza dell’Assemblea municipale sin dall’insediamento ed è per questo che sono soddisfatta del debutto, avvenuto oggi, della diretta streaming delle sedute del Consiglio del Municipio.
Sono certa che la possibilità offerta di poter seguire da casa i lavori d’aula contribuirà ad aumentare la conoscenza e la partecipazione dei cittadini ai lavori dell’Aula.
Lo streaming è disponibile al link: http://static.unimedia.unidata.it/romacapitale/municipioxi/

Leggi il Comunicato Stampa

streaming

Municipio XI, al via Streaming sedute Consiglio

Ha debuttato oggi la diretta streaming delle sedute del Consiglio del Municipio Roma XI. L’iniziativa nasce con lo scopo di favorire la maggiore trasparenza delle politiche locali ed aumentare la conoscenza e la partecipazione dei cittadini ai dibattiti dell’Assemblea. Il servizio, iniziato oggi in via sperimentale, è realizzato in collaborazione con il Dipartimento Risorse Tecnologiche del Campidoglio e consentirà di seguire in diretta le sedute del Parlamentino di via Mazzacurati che si svolgono il martedì e il giovedì e, una volta entrato a regime, sarà utilizzato anche per trasmettere gli eventi che si tengono nell’Aula come ad esempio le conferenze stampa, le presentazioni delle manifestazioni, le premiazioni, ed altro ancora.
“La prima trasmissione in streaming del Consiglio è un obiettivo raggiunto, che faceva parte del programma di governo del Municipio – dichiarano in una nota congiunta il Presidente del Municipio Roma XI, Maurizio Veloccia, e la Presidente del Consiglio municipale, Emanuela Mino – questo servizio consente di seguire i lavori, di conoscere ed essere informati sull’attività svolta nell’Aula di via Mazzacurati. Lo streaming si consoliderà nelle prossime settimane e permetterà a tutti di seguire da casa e in diretta, oppure di rivedere, le riunioni del Consiglio, il luogo dove si affrontano i problemi e si prendono le decisioni riguardanti il nostro territorio. Lo streaming, inoltre, contribuisce a svolgere una funzione fondamentale dei Municipi ossia avvicinare le Istituzioni ai cittadini sostenendo la partecipazione e, di conseguenza, la crescita democratica del territorio” concludono Veloccia e Mino.

A Corviale l’esperienza del Farmer’s Market continua ma nella legalità

Il Consiglio del Municipio XI ha approvato oggi un atto per consentire al Farmer’s Market di Corviale di continuare ad operare ma in condizioni di legalità e sicurezza, garantendo così un importante servizio per il territorio e considerati gli imminenti lavori di ristrutturazione dello stabile, chiedendo che le attività possano essere trasferite in un’area limitrofa e che gli operatori siano scelti attraverso un bando pubblico premiando chi nel tempo ha sempre operato nelle regole.

Leggi il Comunicato Stampa

marketplace