Comunicato Stampa – Casa, su famiglie sgomberate Si faccia chiarezza e stop a strumentalizzazioni

A seguito dei sequestri disposti dalla Magistratura a metà Aprile degli immobili della ex Hertz sulla Tuscolana e in via della Acacie a Centocelle, una cinquantina di famiglie sgomberate sono state ricollocate dal Dipartimento Politiche abitative di Roma Capitale in diverse zone di Roma, alcune delle quali anche in Municipio XI, in via Maccagnani a Casetta Mattei e a via Tertenia a Monte Stallonara – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

Tali operazioni, da un lato hanno avuto il merito di adempiere celermente a quanto concordato con l’autorità giudiziaria, togliendo dalla strada delle famiglie in emergenza abitativa, ma dall’altro sono avvenute tenendo all’oscuro i territori e l’Amministrazione municipale con la quale un maggior coordinamento avrebbe sicuramente sopito sul nascere le giuste preoccupazione dei cittadini e le strumentalizzazioni di alcuni esponenti politici che, non memori di aver governato negli ultimi cinque anni, strumentalizzano drammi sociali alimentando al contempo le paure dei cittadini.

In particolare va sottolineato che non c’è alcuna intenzione, così come confermato la scorsa settimana dall’Assessore alle Politiche abitative capitolino Ozzimo, di creare nuovi quartiere ghetto e che pertanto debbano considerarsi non supportati da fatti concreti le voci secondo cui, in particolare nel quartiere Casetta Mattei, una intera palazzina possa essere destinata a nuclei in emergenza abitativa, lontana dagli standard di integrazione e solidarietà che questa Amministrazione vuole perseguire.

Famiglie sgomberate da occupazioni della Capitale trasferite nel Municipio: solidarietà e trasparenza

In seguito allo sgombero di alcuni stabili alcune famiglie  sono state alloggiate anche nel nostro Municipio. Sarebbe stato utile avvertire per tempo il Municipio per evitare che la vicenda fosse strumentalizzata e creasse legittime preoccupazioni tra i cittadini.

ANTEFISSALeggi anche il mio Comunicato Stampa

No del Municipio XI a nuove case nei “Piani di Zona” Monte Stallonara e Muratella, si continui con la riqualificazone

Oggi il Consiglio municipale ha dato parere negativo alla delibera che prevede “densificazioni” (vedi qui il mio Comunicato Stampa sulle Densificazioni) nei Piani di Zona di Muratella e Monte Stallonara: ora speriamo che Roma Capitale recepisca questa indicazione e che inoltre ci sia l’impegno di tutti per terminare le opere già previste.

PdZ Muratella

PdZ Muratella

Leggi il mio Comunicato Stampa

Comunicato Stampa – No del Municipio XI a nuove case nei “Piani di Zona” Monte Stallonara e Muratella, si continui con la riqualificazone

E’ con voto unanime che stamane il Consiglio del Municipio XI ha dato parere contrario alla Proposta di Delibera capitolina n. 22/2014 predisposta dall’Assessorato all’Urbanistica che prevede per il nostro Municipio la possibilità di realizzare nuove abitazioni anche nei Piani di Zona B50 “Monte Stallonara” e il B38 “Muratella” da destinare ad edilizia residenziale pubblica, in luogo della realizzazione di servizi extra-strandard confermando così la contrarietà già espressa nella precedente consiliatura ad analoga proposta della Giunta Alemanno – Lo dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI ed esponente della Lista Civica Marino Sindaco.

Tale parere, che sappiamo esser non vincolante, unito anche alle perplessità manifestate sinora dalla Commissione Urbanistica capitolina, auspico porti l’Assessore Caudo ad una rivisitazione del progetto tenendo in considerazione che, per ciò che attiene Monte Stallonara, il Piano di Zona ha soltanto avviato le opere di urbanizzazione primaria e gli edifici previsti finirebbero su un’area in cui in passato sono stati abusivamente sotterrati rifiuti che non è possibile bonificare mentre, per Muratella, permangono i problemi di viabilità (allargamento del ponticello di via Luigi Dasti e di via della Magliana) e la trasformazione dell’ex Centro Direzionale, per il 90%, in unità abitative (social housing e residenziale) con ulteriore peso antropico per il quadrante.

D’altronde, l’Amministrazione capitolina, grazie al lavoro svolto dall’Assessore Paolo Masini, e questo Municipio stanno ponendo molta attenzione al recupero delle periferie e, solo a titolo esemplificativo, per il Piano di Zona di Monte Stallonara il Presidente della Commissione Lavori Pubblici Dario Nanni insieme al Comitato dei Cittadini stanno lavorando fianco a fianco affinché ACEA costruisca al più presto il sistema idrico per l’acqua potabile, venga realizzato il ponte di collegamento del PdZ (in attesa del parere del Genio Civile) e i sistemi fognari (bloccati da un contenzioso tra un privato e il Comune) e al contempo, grazie al lavoro fatto dal Presidente dalla Commissione Speciale Roma Capitale Gianni Paris sono stati recuperati i fondi per permettere il collegamento tra Monte Stallonara e Ponte Galeria (opera cantierabile entro l’anno); per il quartiere Muratella, nelle prossime settimane si chiuderanno tutte le opere di urbanizzazione mancanti, è stato riavviato il cantiere per il completamento della scuola di via Pensuti, si è provveduto alla bonifica da parte dell’AMA dei parcheggi di via Marchetti.

Positive novità arrivano dalle dichiarazioni di ieri dello stesso Assessore Caudo che ha chiesto, nel progetto del nuovo stadio della A.S. Roma di prevedere tra le opere di urbanizzazione un collegamento, attraverso una diramazione in superficie della linea metro B, tra la stazione della Metro B “Eur Magliana” e quella della FR1 “Muratella”, in modo da poter mettere in contatto il nuovo Stadio all’altezza di Tor di Valle: una buona notizia per tutto il nostro Municipio che attualmente non beneficia di nessuna linea metropolitana e segno che anche l’Assessorato capitolino sia in sintonia con il desiderio di riqualificazione del territorio.